Stacks Image 3
Il processo di Mastering è tanto creativo quanto tecnico e rappresenta l'ultima fase nella realizzazione delle vostro progetto musicale prima della duplicazione. I missaggi vengono ascoltati, controllati e corretti ove ve ne sia bisogno nell'equalizzazione, nel bilanciamento e nella dinamica. La potenzialità sonora viene sviluppata in modo tale da garantire un ascolto ottimale per il maggior numero di fruitori possibili attraverso i più diversi sistemi di riproduzione. I singoli brani vengono ordinati ed uniti in una sequenza coerente come fossero capitoli di un libro. L'esperienza, unita al corretto uso di macchinari di altissima qualità in ambiente controllato e la grande attenzione al dettaglio, fanno si che il prodotto dei vostri sforzi creativi sia non solo pronto per la duplicazione, ma anche competitivo con la concorrenza. La comunicazione tra l'artista o l'A&R ed il vostro mastering engineer è fondamentale per ottenere un risultato pienamente soddisfacente. E' inoltre molto importante comprendere lo scopo di questo particolare momento nella creazione di un prodotto musicale evitando di cadere nei molti luoghi comuni che circondano questa professione. La sesione di mastering puo essere divisa grosso modo in due fasi, la prima in cui ascoltando i brani si evidenziano eventuali problemi che devono essere corretti ed una seconda in cui i brani vengono compilati in una sequenza completa di indici PQ, vengono inseriti eventuali ISRC e codici a barre e si produce infine, dopo averlo verificato qualitativamente, un supporto adatto alla duplicazione e alla diffusione del prodotto.
Un mix può o può non aver bisogno di correzioni. Per quanto sempre più rari ci sono mix che vengono passati in macchina "flat" o "semi-flat" senza interventi di correzione. Nel caso in cui ci fosse bisogno di interventi correttivi lo strumento principale utilizzato è solitamente l'equalizzatore. Compressori e limiters vengono utilizzati, ove ce ne fosse bisogno, sia in modilità "narrow band" per attenuare le sibilanti (de-essing) presenti nelle performances vocali o ad esempio in caso di piatti estremamente taglienti, che in modalità wideband per amalgamare le diverse componenti del brano. La capacità di ascolto selettivo dell'insieme unita all'esperienza permette di comprendere quali interventi effettuare per rendere un brano bilanciato nelle sue parti e allo stesso tempo fruibile attraverso diversi sistemi di riproduzione mantenendo la giusta competitività nel livello percepito.
Stacks Image 6
Mastering is a technical as well as a creative process, the last step in the realisation of your musical vision. The program material is checked and corrections are applied if needed. The sound is balanced and enhanced in order to convey the best possible experience to the maximum number of listeners across a wide range of playback systems. Individual songs are sequenced and seamlessly bonded together into an album like musical chapters in a book. The combination of a set of experienced ears, and a selection of high quality creative and corrective tools in a revealing monitoring environment with the fine attention to details ensure your creative efforts are both competitive with other releases and ready for duplication. Communication between the engineer and the artist or the A&R is  extremely important in order to achieve a highly satisfactory result. It is also very important to understand what happens during a mastering session and avoid some of the misconceptions and myths regarding this important step in the production process. A mastering session can be generally speaking divided into two phases: checking for and correcting problems if needed and the production of so called “parts”. Listening through a very accurate monitoring chain will reveal problems or shortcomings that may have occurred during the mixing stage due to less than perfect room acoustics, not so accurate speakers or excessive tiredness. If those problems exist they will then be corrected with specific tools such as equalisers (used to create an even frequency balance), narrow band compressors (de-essing of sibilant vocals or taming of overly fizzy cymbals) and wide band compressors and limiters (used to glue the elements of a mix together). Once the correct balance and the desired perceived level is achieved the songs are assembled into a sequence within the mastering workstation, PQ codes are generated, ISRC and barcode embedded if needed and a physical master (either CD-A disk ora DDP is created and checked before being sent off for duplication or replication.